Vai al contenuto
chiavi esagonali

Chiavi a brugola (esagonali), cosa sono?

Le chiavi a brugola o esagonali sono indispensabili per chi sta organizzando una cassetta degli attrezzi ben fornita. Ma anche in un garage c'è sempre spazio per un kit di diverse misure o di inserti da abbinare a cricchetto e relative prolunghe, per non parlare delle aree di lavoro in cui operano i professionisti come meccanici e idraulici.

Queste figure hanno ben presente la centralità delle chiavi a brugola e investono il giusto per acquistare dei kit completi e in grado di operare in qualsiasi condizione. Vuoi scoprire a cosa servono, come si usano e scelgono questi attrezzi decisivi?

Cosa sono le chiavi a brugola, definizione

Note anche come chiavi esagonali o di Allen in onore del suo inventore, questi attrezzi sono delle aste di metallo a forma di L o T con un profilo che riprende la forma dell'esagono. Questa caratteristica permette di intervenire avvitando o svitando viti a testa cava esagonale. Che nel gergo tecnico sono note come viti a brugola.

Queste soluzioni si utilizzano in diversi contesti, ma soprattutto quando è necessaria una coppia di serraggio elevata in uno spazio minimo. Infatti la testa di una vite a brugola occupa meno spazio anche in termini di attrezzatura necessaria per avvitare e svitare.

Caratteristiche delle chiavi esagonali

In primo luogo hanno una forma che tiene fede al nome, quindi a sei lati. Questa caratteristica permette di intervenire sulle viti che hanno la stessa forma.

Il materiale di fabbricazione è, nella maggior parte dei casi, acciaio temprato con caratteristiche di alta resistenza agli sforzi. Per quanto riguarda la struttura?

La classica conformazione a L consente di intervenire con grande rapporto di coppia ma anche in angoli difficili da raggiungere. Esistono inoltre dei modelli a T con gambo lungo per raggiungere i punti complessi. Ecco un esempio preso dal catalogo Ineco.

chiave a t

Chiavi con profilo specifico (a sfera) consentono di intervenire con un angolo diverso e in assenza di posizione perpendicolare. D'altro canto la coppia di serraggio non sarà mai pari a quella imposta da una normale chiave a brugola con forma a L.

Inserti per le chiavi a cricchetto e bussola

Una delle soluzioni per utilizzare le chiavi esagonali sono le versioni che si innestano nelle bussole per utilizzare il cricchetto. Vale a dire una chiave di manovra con meccanismo interno che permette di semplificare l'opera di serraggio e allentamento.

Grazie a specifici kit è possibile utilizzare gli inserti per avvitare e svitare viti esagonali ma anche relative evoluzioni come Torx, Inbus, Robertson e Tri-Wing.

Perché scegliere vite e chiave a brugola?

In primo luogo questa combinazione permette di imprimere un serraggio elevato con una strumentazione economica, facile da reperire e trasportare. Inoltre hai un appoggio completo tra attrezzo e perno, in questo modo è difficile rischiare di rovinare il profilo.

chiavi esagonali

Grazie a strumenti in acciaio al cromo vanadio sarà facile intervenire in modo preciso e puntuale. Soprattutto se acquisti un buon kit di chiavi esagonali come quelle Ineco.

Articolo Precedente Come scegliere le migliori batterie per elettroutensili
Articolo Successivo Impiallacciatura, cos'è e come si fa