Vai al contenuto
cacciavite

Come deve essere un giravite di qualità?

Vuoi acquistare un giravite in grado di risolvere ogni tuo problema quando si tratta di avvitare o svitare perni e viti? Ti sembrerà strano ma anche in questi casi bisogna puntare su una scelta ragionata. Proprio così, non puoi acquistare un giravite qualsiasi. Il rischio è quello di lavorare male, con fatica. Senza raggiungere il tuo obiettivo.

Potresti addirittura di rovinare la vite e spanare l'incavo che alloggia l'attrezzo, così sarà impossibile lavorare in futuro con quel perno. E dovrai trovare il modo per estrarla con gran fatica. Ecco perché devi scegliere il miglior giravite possibile anche per il lavori in casa e per il fai da te, non solo per le attività professionali in officina.

Qualità del manico del giravite

Questo è il primo punto da considerare: se il cacciavite non è confortevole nelle tue mani sarà impossibile lavorare bene. Rischia di sfuggire o di lesionare il palmo, soprattutto se si lavora per tanto tempo. Alcuni lavori, come il montaggio mobili, hanno bisogno di ore al lavoro: in alcuni casi puoi risolvere con un avvitatore elettrico.

Non sempre conviene. Ecco perché il manico del cacciavite deve essere ergonomico, isolante e se possibile con un foro per facilitare il posizionamento in una parete attrezzata. Che rappresenta sempre la soluzione migliore per organizzarti.

Da leggere: scegliere un trapano per il cemento armato

Il metallo e la lunghezza dell'asta

Altro aspetto decisivo: oltre al manico c'è un'asta di metallo che consente di raggiungere l'obiettivo, avvitare o svitare. Esistono giraviti con una lunghezza standard, altri più corti che vanno bene per chi deve operare in spazi stretti. O magari più lunghi.

giravite

Perché devono essere usati in angoli o altre condizioni che impongono una maggior operatività. In ogni caso devi assicurarti che il metallo sia di qualità: avere un giravite in acciaio ad alta resistenza vuol dire puntare sempre verso il migliori risultato possibile.

Un giravite adatto a ogni esigenza

Quando decidi di lavorare al meglio non basta avere un giravite: ne devi avere tanti. E devono essere adatti a tutte le viti sulle quali devi operare. In primo luogo è giusto avere dei kit di varie misure a taglio e a croce (ovvero Philips) che sono le soluzioni comuni. 

Ovviamente puoi utilizzare anche altre combinazioni, come le viti Torx. In ogni caso questa è la strada da seguire: ogni vite ha il suo inserto e non deve essere usata con altro strumento. Altrimenti rischi di rovinare il profilo di metallo definitivamente.

Per questo assicurati di avere un buon assortimento per lavorare sempre nel miglior modo possibile. In alcuni casi puoi prendere in considerazione la possibilità di acquistare e usare giraviti a cricchetto e con punte intercambiabili.

Ovviamente se non si vuole optare per un più comodo avvitatore elettrico come i modelli a massa battente 20V e motore brushless che permettono di risolvere diversi problemi. Questa è però una scelta particolare, conviene iniziare da una buona base:

Articolo Precedente Come levigare il legno: carta abrasiva a mano o levigatrice?
Articolo Successivo 6 accessori per migliorare il tuo lavoro in officina