Vai al contenuto
come togliere ruggine

Togliere la ruggine dal metallo, come risolvere questo problema?

Eliminare la ruggine dal metallo è un obiettivo ben noto da chi vuole fare un buon lavoro di manutenzione in casa. O magari vuole restaurare un vecchio mobile o si trova semplicemente a dover pulire un oggetto rimasto in giardino per troppo tempo. Perché questa è la verità: spesso sono le disattenzioni che portano a creare la ruggine sul ferro.

Se lasciate alle intemperie, ad esempio, le superfici metalliche tendono a formare quello strato rossastro e tendente al marrone che può arrivare a consumare del tutto il manufatto. Ma non tutti i metalli sono soggetti alla ruggine, solo quelli a base ferrosa sono soggetti a questa vera e propria piaga. Che però può essere risolta, ecco come procedere per togliere la ruggine dal metallo e fare un buon lavoro di restauro.

Metodi naturali

Il primo modo per eliminare piccole macchie di ruggine, piuttosto legate a un problema estetico che strutturale, è quello che chiama in causa i prodotti che puoi trovare a casa.

In primo luogo aceto bianco e limone sono due elementi che, grazie alle relative proprietà, riescono a combattere la ruggine in modo efficace. Per eliminare tracce di ossidazione sui metalli basta versare uno di questi liquidi e lasciare per qualche ora.

Dopo si pulisce la struttura con un panno, uno spazzolino o magari una scorza di limone. Altri elementi da combinare sono il sale e il bicarbonato di sodio: la classica pasta multifunzione che si crea unendo sale, limone aceto e bicarbonato può essere utile anche per togliere la ruggine dal ferro.

Convertitore di ruggine

Si tratta di un prodotto chimico, spray o liquido, che si posa sulla zona interessata. Il suo processo è semplice: trasforma la ruggine in un materiale inerte e blocca il processo di avanzamento. Questa soluzione, così come quella dei metodi naturali, è perfetta per le condizioni iniziali. Ovvero quando la ruggine è ancora in uno stato non avanzato.

Nel caso in cui ci sia una struttura danneggiata o particolarmente corrosa bisogna agire in modo differente, ovvero attraverso processi meccanici e non chimici.

Spazzola di ferro

Uno dei metodi più antichi (ma anche uno dei più efficaci ed economici) per togliere la ruggine grossolana, quella più invadente e che tende a sfogliare il metallo. La spazzola di ferro consuma quest'area e toglie gli strati che tendono a intaccare la materia prima.

Dopo il suo passaggio è utile usare anche la carta vetrata per raffinare. Inoltre esistono spazzole di metallo  molto piccole e con forme particolari per trattare anche superfici difficili come le insenature e le decorazioni dei cancelli o l'interno dei tubi.

Carta vetrata

Se devi riverniciare una ringhiera o un cancello puoi aver bisogno di un metodo per togliere la ruggine dalle superfici. Capita, infatti, che questi manufatti in ferro siano particolarmente corrosi e colpiti dalla ruggine dato che sono sempre a contatto con pioggia o magari acqua di mare se vivi vicino alla costa. Allora puoi usare, in fase di preparazione e sverniciatura, una buona carta vetrata da passare sulle aree colpite dall'ossidazione. In questo modo consumi la ruggine e porti il ferro al suo stato ottimale.

Per lavorare su ampie superfici è possibile usare anche una smerigliatrice elettrica, una levigatrice che può essere orbitale o rotorbitale (la seconda è più efficace sui lavori impegnativi). Qualche proposta Imeco:

Poi conviene passare l'antiruggine, la vernice che impedisce la formazione di questo processo. Oppure puoi lavorare con la zincatura, uno dei metodi migliori per evitare l'insorgere di nuove macchie di ossido. Così puoi lasciare alle intemperie i tuoi oggetti. 

Flessibile

Uno dei metodi più incisivi. Nel momento in cui la ruggine si trova su pezzi di metallo piuttosto importanti in termini di volume e spessore, puoi prendere in considerazione l'idea di consumare l'area colpita dall'ossidazione con il disco di un flex.

Questa soluzione asporta una buona quantità di materiale ma il rischio è quello di assottigliare la base. Così da rovinare irrimediabilmente il prodotto. Quindi conviene usare il flessibile solo con le dovute competenze. E scegliendo attrezzi di qualità come:

C'è da aggiungere che il flessibile può essere utile anche per l'estrema soluzione alla ruggine: tagliare il pezzo intaccato per poi saldare una superficie nuova.

Infatti, in alcuni casi la ruggine ha corroso il pezzo di ferro a tal punto da renderlo instabile e fragile. Così, con un buon lavoro di manodopera si taglia il pezzo reso inutilizzabile e pericoloso per sostituirlo con una base dello stesso materiale ma nuova.

Articolo Precedente Sverniciare il legno, ecco la guida e gli strumenti
Articolo Successivo Come svitare un bullone bloccato?