Vai al contenuto
Come usare olio da taglio e foratura

Come usare olio da taglio e foratura

Capire come usare olio da taglio e foratura è importante perché ti consente di lavorare al meglio con strumenti che conosciamo bene. E che ci consentono di ottenere il miglior risultato possibile sia nei lavori domestici che in officina. Il principio da ricordare?

Semplice: le attività che riguardano la lavorazione del metallo sprigionano un forte calore e hanno una frizione importante. Punte del trapano e dischi da taglio devono essere agevolati nella lavorazione e questo avviene grazie a un liquido specifico che porta il nome di olio da taglio. Scopriamo insieme le sue qualità e le procedure utili per utilizzare questo elemento insieme al tuo trapano o alla sega per tagliare il metallo.

Cos'è e a cosa serve l'olio da taglio

Si tratta di un liquido composto da elementi chimici, additivi e oli minerali che può essere confezionato in bombolette o altri tipo di contenitori che conferisce maggior facilità di azione alla foratura e al taglio del metallo. Le qualità refrigeranti e lubrificanti di questo liquido consentono di evitare l’usura degli utensili da taglio e perforazione - ma anche di maschiatura, rettifica, tornitura - come:

  • Trapani.
  • Troncatrici.
  • Seghe.
  • Lame e nastri.
  • Filettatrici.
  • Frese.

Inoltre l'olio semplifica le attività riducendo frizione e calore sia per le macchine elettriche che degli strumenti manuali. In sintesi, si può usare per avere un lavoro più semplice e migliore in termini qualitativi anche quando tagli un tubo dell'acqua con il seghetto. Ma anche per prolungare la vita delle punte trapano e delle lame.

Ricorda che l'olio da taglio e foratura è d'aiuto anche per la gestione dei trucioli e delle rimanenze dato che gli elementi di risulta rimangono intrappolati nella pasta creatasi da questo prodotto dopo la lavorazione e non si disperdono nell'ambiente. 

Quando si usa l'olio da taglio

Questo liquido può essere utilizzato quando si deve tagliare il metallo duro o forare l'acciaio. Quindi, per sintetizzare, si adopera ogni volta che c'è bisogno del massimo impegno dei tuoi elettroutensili. Per fare un buco nel metallo duro hai bisogno di un trapano di qualità e di punte adeguate, magari in acciaio HSS (hight speed steel).

trapano

Lo stesso vale per tagliare il ferro solo che a questo punto hai una troncatrice o una sega circolare tra le mani con sopra montato un disco adeguato. Usare l'olio da taglio in queste occasioni ti consente di avere un lavoro più pulito e veloce. Logorando meno le lame, le punte e gli strumenti. Una regola per agevolare questo processo è la velocità.

Per lavorare il metallo duro deve essere bassa per evitare il surriscaldamento e la deformazione degli utensili. Qui si usa l'olio da taglio e di foratura, quando c'è il rischio che un'attività prolungata possa rovinare l'esecuzione del lavoro e l'utensile.

Quando, invece, non si deve usare?

Di sicuro quando si utilizzano gli attrezzi per smerigliare perché in questo caso è previsto l'uso di frizione tra gli elementi. La parte di contatto deve consumarsi quindi l'olio sarebbe un intralcio alla necessità finale per cui si utilizza questo strumento che deve, appunto, consumare il metallo. Quindi non c'è bisogno dell'attività lubrificante.

Come usare l'olio per forare e tagliare

Andiamo all'aspetto pratico: cosa sapere sull'utilizzo dell'olio da taglio e da foratura? Come si applica? In realtà l'uso dell'olio emulsionabile è semplice: nel momento in cui inizia l'operazione si applica un quantitativo di prodotto sul punto di contatto.

Quantità minime e uso costante per evitare che venga meno l'azione di riduzione del calore e dell'attrito. Chiaramente, dovendo agire proprio nel punto di contatto tra i metalli bisogna essere precisi e cauti.

Per questo conviene utilizzare un prodotto che consenta l'uso di beccucci e cannucce dedicate. In questo modo si tengono lontane le mani dal movimento e si applica con precisione l'olio. Esistono dispenser per posizionare l'olio a goccia o con spray diffuso.

Ricorda che le bombolette di olio contengono una soluzione già pronta mentre le taniche di olio assoluto hanno bisogno di una miscelazione. Che risponde mediamente al 10% di olio in litro d'acqua per l'acciaio inossidabile, 5% per gli altri metalli.

Ricorda che l'olio da taglio può essere messo sia prima che durante la lavorazione per mantenere costante la quantità di lubrificante sugli elementi. Quando non è possibile applicare l'olio per questioni di praticità e posizione, ad esempio su tagli o forature verticali, si utilizza la pasta da taglio prima dell'avvio della lavorazione.

Articolo Precedente Quale punta trapano per forare il metallo duro?
Articolo Successivo A cosa servono gli incastri in legno e come si fanno: ecco una guida base