Vai al contenuto
Pasta abrasiva, cos'è e come si usa

Pasta abrasiva, cos'è e come si usa

La pasta abrasiva è un prodotto necessario per eliminare piccoli graffi, imperfezioni della vernice e resti di strisciate. Ad esempio, nel settore auto è indispensabile per rigenerare i paraurti e le scocche dopo piccoli incidenti, graffi sulla carrozzeria (più o meno volontari), rigate o strisciate con residui di gomma e altre carrozzerie.

Prima di continuare è giusto fare due precisazioni: esistono diversi tipi di pasta abrasiva ma non è un prodotto miracoloso. Una volta raggiunto un certo livello di danno, una scocca o un cofano non può mai tornare come prima. Inoltre parliamo di un prodotto pericoloso. Magari non per chi la usa ma per l'oggetto danneggiato da recuperare.

Infatti, l'uso della pasta abrasiva può danneggiare la base e peggiorare le condizioni di partenza se non si usa nel modo corretto. Solo l'esperienza decennale di un carrozziere o di un artigiano può risolvere dei problemi importanti con la pasta abrasiva. Quindi, se hai dubbi o non sai come si usa in alcune occasioni rivolgiti sempre a un professionista.

Cos'è la pasta abrasiva, una definizione

La pasta abrasiva è un prodotto liquido molto denso, con una consistenza che cambia in base alla tipologia e all'uso, che si usa per consumare uno strato di superficie.

Infatti al suo interno è presente, oltre a un liquido in grado di aumentare la scorrevolezza, una polvere con grana che cambia in base al modello. Lo scopo è quello di eliminare graffi e lucidare ma molto dipende dalla consistenza della pasta abrasiva.

Esistono diverse tipologie di prodotto che possono essere più o meno incisive sulla superficie. In commercio si trovano paste abrasive per scopi differenti, come ad esempio per pulire le mani o i gioielli o le stoviglie, ma nella maggior parte dei casi l'uso è dedicato al metallo verniciato. Quindi si usa molto nel lavoro di carrozzeria per auto.

Cosa serve per passare la pasta abrasiva?

In primo luogo hai bisogno di un prodotto adeguato allo scopo. Esistono paste abrasive e lucidanti, adatte a vernici particolari e non: tutto dipende da cosa devi ottenere.

Per eliminare graffi e strisciate devi comunque puntare su una soluzione in grado di incidere sulla vernice quindi non basta una polish non abrasiva. In alcuni casi è possibile optare per delle soluzioni universali, con un basso potere abrasivo - quindi adatte a piccoli graffi, rigature superficiali - ma in grado di lucidare vernici opache.

pasta abrasiva

Attenzione però a non scegliere dei prodotti estremamente aggressivi, solo carrozzieri specializzati possono intervenire con grane invadenti senza fare danni. Poi servono panni in microfibra e ovatta per passare il prodotto e rimuovere i residui.

In alcuni casi, per la lucidatura con la cera non abrasiva puoi utilizzare il disco con tampone morbido da applicare alla levigatrice o al trapano. In questo modo puoi ottenere un risultato finale degno di nota. Gli accessori necessari per lucidare:

Come si usa questo prodotto?

Le tecniche cambiano in base al tipo di danno da riparare ma, ipotizzando un graffio poco profondo su una carrozzeria o un pannello di metallo, possiamo definire alcuni punti standard. In primo luogo devi pulire la superficie ed eliminare qualsiasi residuo di polvere o sporco. Fatto questo, si prende una quantità minima di pasta e la si spalma.

Deve entrare in contatto con la superficie con movimenti circolari e morbidi. Utilizzare un panno di microfibra pulito, senza residui di polvere o sabbia altrimenti si peggiora la situazione. Il panno deve permettere di sentire la superficie da trattare con i polpastrelli.

Devi assecondare il movimento con dolcezza. Dopo qualche passata, pulisci con un altro panno pulito e controlla il risultato. Questo check deve essere effettuato di frequente per evitare eccessi di passaggi profondi da consumare la vernice. La zona deve essere limitata a quella del danno, non andare dove la carrozzeria è intatta.

Dopo il passaggio della pasta abrasiva noterai la vernice leggermente opaca, matta. Per questo bisogna passare la cera necessaria a lucidare: non deve essere un prodotto abrasivo ma in grado di restituire lucentezza.

Controindicazioni della pasta abrasiva

Come suggerito, la pasta abrasiva può portare a diversi problemi se non si usa nel modo giusto. Il primo: assottigliare la vernice. Questo capita quando si usa un modello molto aggressivo e si strofina con forza. In altri casi si può arrivare a opacizzare la verniciatura con un alone opaco. Forse si è usata la pasta abrasiva su una superficie più grande del dovuto. Queste due condizioni ci suggeriscono dei punti già definiti.

Il prodotto deve essere utilizzato su porzioni piccole e con mano leggera almeno quando si punta al primo step, ovvero quello di spostare vernice da un punto all'altro.

Poi la lucidatura con il polish leggero, la cera, può essere fatta anche con strumenti di rotazione meccanica come la lucidatrice. Ma sempre con attenzione e mano leggera. Inoltre ricorda che alcuni tipi di verniciatura - metallizzato, perlato, fosforescente, cromato - non possono essere trattati con una pasta abrasiva standard.

Articolo Precedente Protezioni per l'udito da usare con gli elettroutensili
Articolo Successivo Forare le piastrelle, come fare?