Vai al contenuto
strumenti di misura

Strumenti di misura, cosa sono e quali devi avere in officina

Esistono una serie di attrezzi che aiutano a valutare con estrema cura centimetri, millimetri e parametri anche più precisi. Sono gli strumenti di misura, ovvero?

Questi attrezzi sono fondamentali per lavorare in modo da eliminare errori. Per prendere le decisioni migliori quando costruisci qualcosa con il legno o lavori alla manutenzione della tua casa, magari costruendo un muro, hai bisogno di attrezzi di qualità. Come quelli che trovi nel catalogo Ineco. Vuoi approfondire l'argomento?

Cosa sono gli strumenti di misura e a cosa servono

Questi attrezzi hanno il compito di recuperare una valutazione empirica rispetto a una grandezza fisica che può essere il peso, la lunghezza, l'inclinazione, lo spessore e altri aspetti necessari per costruire, aggiustare o recuperare la giusta struttura.

Le caratteristiche di uno strumento di misura

Per essere realmente efficace, un utensile per la misurazione deve avere delle caratteristiche uniche. In primo luogo c'è la precisione: questo aspetto è strettamente collegato alla qualità del prodotto. Un attrezzo di buona fattura restituisce dati realistici, senza sbavatura. Poi c'è la portata, dove si spinge la misurazione.

La sensibilità è la variazione minima che può misurare l'attrezzo. Infine bisogna prendere in considerazione la prontezza, il tempo necessario per restituire il risultato. 

Come si suddividono gli strumenti di misura?

Ci sono diversi parametri per catalogare gli attrezzi di misurazione. In primo luogo si dividono in analogici e digitali: i primi offrono una scala di valori mentre i secondi danno direttamente il parametro registrato. Ad esempio, il metro è uno strumento di misura analogico mentre il distanziometro laser è digitale. Poi per tipo di misura generata. Ad esempio ci sono dispositivi per trovare lunghezze, altri per gli angoli o per il peso.

Quali sono gli utensili di misurazione?

Ci sono diverse soluzioni da elencare. Gli strumenti di misura aiutano a lavorare in modo professionale, evitando soluzioni approssimative e operazioni svolte a occhio. Soprattutto quando c'è anche un discorso di sicurezza da fare, l'uso di determinati strumenti per la misurazione è d'obbligo. Ecco quelli che non possono essere ignorati.

Flessometro

Il classico metro a nastro che rientra nella custodia e può essere utilizzato con una lettura in entrambi i lati. I modelli migliori resistono agli urti e all'acqua, si utilizzano facilmente nei cantieri, in falegnameria, nelle officine. Lo scopo è quello di misurare.

Micrometro

Strumento di precisione necessario per individuare l'ampiezza di un blocco di metallo o del compensato che stai per tagliare e utilizzare nei lavori di falegnameria. Ecco un esempio di micrometro in un'immagine presa da Wikipedia.

micrometro

Il funzionamento è piuttosto semplice: posizioni l'elemento da misurare nella ganascia e avviti il manico. Il risultato sarà preciso, ed è questa la caratteristica base dell'attrezzo.

Spessimetro

Il nome già ci suggerisce lo scopo di questo strumento di misura. Infatti, con questo attrezzo puoi ottenere lo spessore di un gioco o di uno spazio tra due componenti.

In realtà con questo termine intendiamo utensili anche molto differenti e che possono aiutare a ottenere i valori sia di lamiere che di intercapedini. Uno degli spessimetri più noti è quello analogico: una sorta di collezione di fogli metallici di dimensioni differenti che permettono di scoprire, passaggio dopo passaggio, qual è la misura di uno spazio.

Calibro

Un altro strumento di misura indispensabile per chi lavora, in questo caso, soprattutto con la meccanica e l'idraulica. Il calibro serve a misurare con precisione millimetrica spessori, diametri, larghezze e profondità. Ci sono versioni analogiche e digitali.

Articolo Precedente Mazzuolo in legno, cos'è e a cosa serve
Articolo Successivo 4 parametri da seguire per acquistare un martello demolitore