Vai al contenuto
Pialla elettrica, cos'è e come usarla

Pialla elettrica, cos'è e come usarla

La pialla elettrica è un attrezzo che viene usato per eliminare strati di materiale da superfici più o meno piane e prepararle per altri lavori. Come ad esempio la stuccatura e la verniciatura, ma anche l'unione di due pezzi di legno tramite incastro.

Quindi la pialla elettrica è un attrezzo fondamentale per ridurre il carico di lavoro quando si affrontano grandi aree, ed evitare l'uso di strumenti manuali come la classica pialla a spinta che comunque è sempre sul bancone di lavoro degli artigiani e dei falegnami che sanno veramente come trattare il legno. Qualche dettaglio in più?

Cos'è una pialla elettrica?

Questo è un attrezzo che può sembrare dedicato solo a chi si occupa di falegnameria a livello professionale. In realtà la pialla elettrica aiuta a levigare, livellare ed eliminare strati di legno anche a chi si diverte con il bricolage e il fai da te. Non deve essere confusa con la levigatrice - sia orbitale che rotorbitale - perché quest'ultima svolge un'altra funzione: passare la carta abrasiva in modo costante e con continuità.

Meglio elettrica o manuale?

Esistono due grandi famiglie di pialle: elettriche e manuali. Quest'ultime fanno parte della tradizione del mondo della lavorazione del legno e permettono di mantenere massimo controllo della lavorazione. Si lavora lentamente ma con precisione.

La pialla in versione elettrica, invece, è comoda ma anche veloce nella lavorazione e anche precisa. Soprattutto se acquisti un prodotto di qualità per il tuo lavoro.

D'altro canto anche per le versioni manuali ci sono soluzioni di alta tecnologia prodotte con metalli e forme raffinate. La soluzione migliore: avere entrambe le soluzioni.

Come funziona la pialla elettrica?

Questo attrezzo è composto da un corpo macchina con un piano dal quale spunta una lama che consente di asportare strati di materiale in base alle esigenze richieste. Esistono pialle manuali per sgrossare, altre per effettuare delle rifiniture.

Così puoi trasformare un legno pieno di imperfezioni in un piano liscio: con il modello elettrico devi solo regolare la profondità del taglio: accendi l'attrezzo e inizi a passarlo dove sempre per trasformare strati di legno superfluo in trucioli. Che alcuni modelli permettono di aspirare con un tubo specifico. Con le impugnature puoi mantenere la pialla con due mane, i modelli più leggeri e pratici si usano facilmente anche con una.

Caratteristiche fondamentali della pialla

Prendi come esempio al nostra pialla 1050W. Il pomello anteriore serve a regolare la profondità dell'azione della pialla e l'impugnatura spingi il rullo che aziona i coltelli presenti nel corpo della macchina contenente anche il motore elettrico.

Se vuoi massima qualità acquista una pialla elettrica con due coltelli e lame in acciaio HSS: soluzioni differenti sono utili per lavori di scarsa caratura. Anche a livello amatoriale puoi ambire ad attrezzi con simili caratteristiche a prezzi abbordabili.

Esiste anche il banco pialla filo/spessore

Per alcuni lavori, soprattutto quelli con pezzi e piani piuttosto grandi, puoi usare delle pialle che si presentano su banchi di lavoro. Il rullo centrale ruota cin delle lame e spingendo il blocco verso i coltelli puoi ottenere il risultato. Ci sono due soluzioni:

  • Pialla a filo.
  • Pialla a spessore.

La differenza riguarda il modo in cui i blocchi di legno vengono gestiti e spinti verso le lame, nella pialla a filo ci sono due blocchi di metallo allineati che spostandosi permettono di asportare più o meno materiale mentre il modello a spessore ha un unico piano che porta il legno può o meno vicino ai coltelli che ruotano. I modelli migliori possono combinare anche entrambe le soluzioni su un unico banco.

Articolo Precedente Quale velocità scegliere per il trapano?
Articolo Successivo Come scegliere il trapano