Vai al contenuto
Come sbloccare un mandrino autoserrante?

Come sbloccare un mandrino autoserrante?

Cosa accade se all'improvviso il trapano che stai usando per, ad esempio, forare il calcestruzzo decide di non permettere il cambio della punta? O magari non si apre impedendo completamente l'inizio del lavoro? Probabilmente ti trovi nella condizione tipica di molti colleghi: devi capire come sbloccare un mandrino autoserrante.

Questo elemento serve a mantenere la punta del trapano ferma mentre esegui il tuo lavoro di foratura. In passato erano molto diffusi i meccanismi a chiave dentata, oggi si preferisce il mandrino autoserrante che permette di sigillare completamente la punta solo con l'uso delle mani. Basta una robusta stretta e puoi procedere.

C'è da dire che quando si blocca non puoi usare attrezzi per risolvere il problema e aprire le ganasce con la forza. Quindi, vogliamo capire come risolvere il problema e sbloccare un mandrino autoserrante? Per farlo dobbiamo prima capire quali sono le cause del problema. E come comportarsi se non si riesce a utilizzare il trapano.

Cos'è il mandrino autoserrante

Questa sezione del trapano è composta da un'anima in acciaio e una copertura in metallo zigrinato o plastica rigida che serve da supporto per chi usa il trapano: quest'area viene afferrata e girata a mano per avvitare e svitare le ganasce.

mandrino autoserrante

Il vantaggio rispetto a un mandrino a cremagliera, che si usa con la chiave a T, è la semplicità: nei lavori continuativi puoi cambiare punta facilmente. Ma è anche vero che è più difficile da sbloccate quando si inceppa perché non ci sono leve meccaniche.

Perché il mandrino si blocca?

In primo luogo ci possono essere trucioli e schegge di materiale accumulato nel meccanismo che, con il tempo, creano un blocco per svitare il mandrino.

Oppure ci possono essere dei problemi relativi agli agenti atmosferici: pioggia, umidità, acqua di mare possono danneggiare il mandrino e renderlo difficile da svitare.

Per questo si dovrebbe fare un po' di manutenzione del trapano ogni volta che si usa, ripulendolo dal materiale di risulta con un compressore ad aria e un pennello. Ovviamente devi anche proteggerlo dall'acqua che è nemica giurata del mandrino.

Come provare a sbloccare il mandrino

Il primo consiglio è proprio quello di usare un getto di aria compressa tra le griffe per eliminare eventuali residui di lavorazione e passare del liquido svitante a spruzzo negli snodi e nei meccanismi di serraggio. Lascia agire qualche minuto:

  • Asciuga il liquido sbloccante.
  • Indossa un guanto da manutenzione.
  • Prova a svitare di nuovo il mandrino.

Se non riesci prova a bloccare la base fissa con quella che ruota con due chiavi a pappagallo, ovvero quelle che si chiudono e bloccano permettendo di mantenere una presa solida. A questo punto mantieni la prima bloccata e fai ruotare quella collegata al mandrino. Così puoi dare maggior forza al tuo tentativo di sbloccare il mandrino.

Mandino non si sblocca, cosa fare?

Semplice, lo puoi sostituire. Anche se è un elemento fondamentale del trapano si può acquistare e cambiare senza problemi. Qui, ad esempio, hai un mandrino autoserrante di ricambio della Total che puoi acquistare sul sito Ineco. Ma come si smonta?

Nel momento in cui sei riuscito ad aprire le griffe, ovvero le ganasce che tengono ferma la punta, puoi notare la presenza di una vite: la sviti e poi fai lo stesso con perno in fondo al mandrino. Dovrebbe essere svitabile con una chiave esagonale.

Metti la trasmissione al minimo per offrire meno resistenza e usa un martello per conferire più forza mentre sviti in senso antiorario. Ricorda che sul perno del mandrino dovrebbe esserci del liquido frenafiletti per rendere più difficile lo smontaggio e l'allentamento. Consulta il libretto di uso e manutenzione per verificare.

Articolo Precedente Ecco i migliori accessori per compressori ad aria
Articolo Successivo Livella a bolla o laser, quale scegliere?