Vai al contenuto
colla

Colla per legno, come usarla e sceglierla

La colla per legno è uno degli strumenti dell'officina di ogni falegname, ma anche nel garage di un perfetto appassionato di lavori in casa e fai da te. Il punto sostanziale è semplice: non tutto può e deve essere unito con chiodi e viti. A volte, per mantenere un buon equilibrio estetico, devi usare prodotti in grado di attaccare senza forare.

Inoltre ci possono essere condizioni in cui oltre ai chiodi o a qualche incastro meccanico, c'è bisogno anche del contributo della colla per il legno. Cosa sapere s questo prodotto? Come passare il liquido sulle superfici? Esiste un modo o uno strumento per stendere lo strato incollante di materiale? Ecco quello che devi sapere.

Da leggere: strumenti per tagliare il legno

A cosa serve la colla per il legno

Questo prodotto serve a unire due pezzi di legno in modo completamente indipendente o con il contributo di altri mezzi. La colla può essere usata per aiutare incastri, chiodi, viti e inserti a lavorare con maggior efficienza. Oppure, per i lavori in cui si presenta minor sollecitazione meccanica, si può pensare a un uso esclusivo della colla.

Questa combinazione non può sopportare tensioni o torsioni eccessive anche se utilizziamo una colla ad alta tenuta. Meglio valutare bene come unire due pezzi di legno scegliendo con cura l'adesivo adatto a ogni singola condizione.

Qual è la migliore colla per il legno?

Non esiste una risposta giusta perché ci sono soluzioni adatte a condizioni specifiche. In primo luogo, però, possiamo dire che la colla PVA (o colla vinilica) è una delle soluzioni più comuni, utilizzata spesso dai falegnami per sostituire i chiodi e unire pezzi di legno.

colla legno

Questo tipo di prodotto è sicuramente comune e facile da usare, ha una buona capacità di incollare ma non sempre è resistente all'acqua (dipende dal modello). Le colle viniliche D3 e D4 sono quelle che possono essere utilizzate anche all'esterno e l'ultima, nello specifico, viene scelta anche per i lavori nautici.

Inoltre puoi trovare delle colle ancora più forti e capaci di unire con forza due pezzi di legno con una buona dose di sicurezza. Questo vale, ad esempio, per:

  • Adesivo poliuretanico che si solidifica con l'umidità.
  • Colla alifatica I, II e III (le ultime anche per esterni).
  • Collante animale o colla a caldo per legno.
  • Colla epossidica che combina indurente e resina.

Quest'ultima riempie le fessure e dona una presa tenace soprattutto quando scegli i modelli con un periodo di essiccazione più lungo. In ogni caso chi lavora con il legno dovrebbe avere entrambe le combinazioni: una colla PVA per lavori semplici, anche in combinazione tra legno e tessuti, e una più forte magari con base epossidica.

Meglio evitare la colla al poliuretano: pur essendo molto forte e resistente, la sua caratteristica chiave può diventare un difetto. Essendo molto sensibile all'umidità se non viene conservata bene rischia di solidificare nella confezione. Quindi si usa soprattutto nel settore industriale dove c'è un uso continuo del prodotto.

Come mettere e usare la colla per il legno

In primo luogo devi pulire le superfici da polvere, schegge e residui di qualsiasi tipo. Usa la carta vetrata per togliere eventuali residui di vecchie vernici. Una volta pulite e livellate le aree applica su quella con la superficie da incollare rivolta verso l'alto uno strato di colla, non abbondare ma non bisogna fare neanche economia.

È normale che ci sia un minimo di eccesso del materiale che puoi togliere con uno straccio o un raschietto prima che si solidifichi. Il segreto di un lavoro ben fatto e che unisca bene i due pezzi di legno: non devono esserci aree senza colla. 

Poi bisogna mantenere la giusta pressione: in alcuni casi puoi utilizzare dei morsetti per mantenere i pezzi compatti e serrati in attesa che la colla solidifichi.

I tempi di attesa dipendono dal tipo di colla utilizzato: la Vinavil - colla vinilica - impiega circa 5 o 6 minuti per fare presa ma altri prodotti hanno tempi differenti, assicurati di rispettarli e di esercitare una pressione omogenea con più morsetti o un peso sui due pezzi da incollare. Dopo aver terminato il lavoro ricorda di chiudere bene la confezione.

Scegliere la pistola per colla sul legno

Uno degli attrezzi ideali per lavorare nel modo più semplice e comodo possibile: usare la pistola per la colla. Questo attrezzo - tecnicamente un elettroutensile - si collega alla presa elettrica o a delle batterie e consente di emettere un filo di colla sulla superficie.

Il concetto alla base di questo strumento è chiaro: una resistenza calda fa sciogliere lo stick di colla e il fluido esce da un foro che può essere di dimensioni differenti.

pistola colla

In questo modo puoi scegliere il tipo di colla da stendere, l'ampiezza del foro di uscita, la possibilità o meno di utilizzare un blocco del flusso in modo da poter stendere la colla senza dover premere il pulsante. Vuoi qualche informazione in più? Ecco i modelli di pistola per colla di Ineco da abbinare ovviamente agli stick per ricarica:

Articolo Precedente A cosa servono gli incastri in legno e come si fanno: ecco una guida base
Articolo Successivo Cos'è una troncatrice per legno? Ecco tutto quello che devi sapere