Vai al contenuto
5 martelli che devi avere in officina

5 martelli che devi avere in officina

I martelli in officina sono strumenti preziosi. Permettono di modellare, piegare e inchiodare. Anche se l'immaginario collettivo confina il martello a semplice inserire di chiodi nel legno, chi lavora con gli attrezzi sa bene che esistono decine di alternative differenti e non un solo tipo di martello. Uno per ogni soluzione.

Qualche idea sul tuo prossimo acquisto? Ecco una serie di strumenti che dovrebbe essere sempre presente sulla parete attrezzata della tua officina dedicata ai motori, alla falegnameria e alla manutenzione della casa. O semplicemente al fai date e al bricolage. Non si lavora solo con gli elettroutensili: a volte un buon martello può fare la differenza. Qualche idea? Ecco cosa acquistare per avere sempre il martello giusto.

Martello tedesco

Il martello tedesco - noto anche come martello da meccanico o standard - si presenta con lato quadrato per inchiodare e una punta standard, senza tira chiodi. Si tratta di un modello pensato per usi vari ed è perfetto per chi deve semplicemente infilare un chiodo nel legno o spingere una bussola in un binario, piegare un lamierino.

martello da officina

Si usa anche per svitare un dado che non vuole muoversi lungo la filettatura colpendo uno scalpello. La sua versione leggermente modificata ha un'estremità biforcuta che può essere utilizzata per lavori di falegnameria dato che serve a estrarre i chiodi. I modelli che puoi trovare sul nostro shop sono perfetti per i tuoi lavori in officina:

Mazzetta (o mazzola)

Un martello particolarmente grande e pesante, con un corpo metallico di circa 1 kg (ma esistono anche modelli superiori) e un manico di legno molto resistente. Ma mazzetta da muratore è pensata più per rompere che per inchiodare qualcosa.

Serve a spaccare mattoni e sagomare pietre, si usa sugli scalpelli. Si trova anche in officina dove viene usata per avere ragione su pezzi bloccati e arrugginiti che non si svitano, piegano, sfilano e smontano. In buona sintesi, non puoi farne a meno.

Martello da carpentiere

Il martello americano, noto anche come da carpentiere, è uno dei migliori in assoluto. Si tratta di uno strumento specifico ma diffuso nelle officine, ha delle caratteristiche particolari. In primo luogo presenta un lato tira chiodi più pronunciato, adatto a estrarre elementi di qualsiasi dimensione anche se piegati o difficili da afferrare. Lo chiamiamo, in gergo, martello con penna a granchio a causa della sua forma.

martello

I modelli migliori hanno, nella biforcazione, un assottigliamento del metallo in modo da infilarsi con maggior facilità tra la testa del chiodo e il legno. Pa resta è sagomata, rotonda. Pensata per inchiodare e battere con precisione proprio dove serve il colpo. Qualche esempio di modello da carpentiere dal nostro catalogo:

Sempre rimanendo nel mondo dei martelli da carpentieri, ci sono soluzioni con estremità differenti come quelli che presentano un lato appuntito per lavorare sui tetti e togliere tegole da sostituire.

Martello gommato

Esistono diversi tipi di martelli per l'officina. Uno che non deve mai mancare è quello di gomma. O meglio, si tratta di uno strumento simile a una mazzetta ma ricoperto di gomma nera e morbida. Questa soluzione permette di evitare danni alle strutture quando si vuole imprimere una forza specifica a un blocco ma senza danneggiarlo.

Una soluzione leggermente diversa è il martello con la testa in resina, più duro ma sempre adatto a evitare danni. Alcuni modelli hanno doppia possibilità di lavoro: una sezione in gomma morbida e un'altra in resina per martellare anche sulle filettature.

Martello da carrozziere

Si tratta di un modello molto particolare composto da due estremi: uno cilindrico con piano adatto a martellare e inchiodare - ma anche spingere in generale - e uno bombato con una curvatura sferica. Questa soluzione è perfetta per modellare e raddrizzare lamiere di metallo: ecco perché si chiama martello da carrozziere, è perfetto per recuperare paraurti e cofani ammaccati dopo gli incidenti.

Articolo Precedente Come saldare in sicurezza: ecco i DPI fondamentali in officina
Articolo Successivo Tagliare il legno con precisione: 5 attrezzi