Vai al contenuto
5 strumenti per lavorare il legno indispensabili

5 strumenti per lavorare il legno indispensabili

Ok, iniziamo considerando che abbiamo già affrontato il tema degli attrezzi per tagliare. Quindi ci concentriamo sugli strumenti per lavorare il legno. Nei quali troviamo anche le seghe ma se hai bisogno di queste affilatissime lame di metallo seghettate puoi dare uno sguardo a questo articolo del blog. Oggi, invece, diamo spazio ad altro.

Ovvero a tutti gli strumenti per lavorare il legno, da quelli che servono ad assottigliare alle attrezzature per sverniciare e modellare i piani, le travi o le tavole. Allora, quali sono gli elettroutensili che non devono mai mancare? E gli attrezzi manuali?

Scalpelli

Molti pensano che per lavorare il legno sia necessario avere l'attrezzatura di un falegname professionista. Ma chi ama questa materia prima inizia sempre dalla base.

scalpelli

Per questo proponiamo un kit di scalpelli per il legno come punto d'inizio della nostra avventura tra i migliori attrezzi per operare sul legno. Questi strumenti servono per modellare e incidere, ci sono diverse misure e forme: puoi anche acquistare dei set di scalpelli per il legno in modo da avere già una buona attrezzatura a portata di mano.

Martello

Cos'è un falegname senza il suo martello? C'è sempre bisogno di piantare un chiodo o far combaciare un incastro. Per questo bisogna sempre scegliere lo strumento giusto.

Dovrebbe essere abbastanza pesante ma preciso e compatto. Ci sono anche quelli ricoperti di gomma per poter usare il giusto peso senza rovinare la superficie.

  1. Martello da carpentiere da 450 gr.
  2. Mazzetta da 2 chilogrammi
  3. Mazzuola di gomma nera

Vuoi qualche esempio? Qui trovi i link ai modelli Ineco, senza dimenticare il modello con doppia faccia, in gomma e resina. Quindi adatto a usi differenti sul legno e metallo.

Trapano

Come puoi pensare di completare la tua lista di accessori e utensili per lavorare il legno senza un trapano? Questo attrezzo è fondamentale per forare un qualsiasi elemento, da una trave a una cornice fino a quel tronco che vuoi trasformare in qualcosa di diverso.

Senza dimenticare che scegliendo la punta giusta puoi rettificare, modellare, allargare e fresare il pezzo di legno. Quindi il trapano non serve solo a forare le superfici.

Devi acquistare un modello di qualità, magari che sia anche avvitatore in modo da unire la forza forante del trapano con la praticità di uno strumento che ti semplifica la vita con viti, perni e bulloni durante il montaggio del mobile che hai appena costruito.

Pialla

Chiaro, avere una sega a banco in officina fa la differenza. Ma uno degli strumenti per lavorare il legno che non può mancare nella tua falegnameria è la pilla. Si tratta dello strumento più antichi, serve a sgrossare e livellare: puoi togliere imperfezioni e rilievi da una trave o un piano in modo da avere sempre la base giusta per i tuoi lavori sul legno.

Esistono decine di modelli ma oggi si lavora molto con le pialle elettriche: sono semplici, comode e velocizzano tutte le operazioni. Dai uno sguardo al modello Ineco da 1050 W.

Sega

Non potevamo terminare questo articolo dedicato ai migliori attrezzi per lavorare il legno senza aver citato almeno un elettroutensile per tagliare tronchi, rami, assi, travi e tavole. Certo, esistono anche i banchi sega e le seghe a nastro, senza dimenticare tutti gli strumenti a mano e le seghe a gattuccio che fanno sempre comodo in officina.

Però il modello che abbiamo anche nel catalogo Ineco è perfetto per lavori anche abbastanza impegnativi grazie ai suoi 1.400 W. Troppo impegnativa questa soluzione?

sega

Può essere utile usare uno strumento diverso, adatto per lavori di finitura e per fare curve, forme ma anche linee precise: il seghetto alternativo che vedi in alto.

Articolo Precedente Come scegliere una pialla per il legno?
Articolo Successivo Come scegliere la carta abrasiva